Linkedin Linkedin Canale YouTube Canale YouTube Pagina Facebook Gruppo Facebook

Professioni sanitarie. Dalle nuove competenze al salvataggio del Ssn. Domani a Roma il lancio della ‘Piattaforma comune’ di Cgil, Cisl, Uil, Ipasvi, Tsrm, Fnco e Conaps

fonte quotidiano sanita

A raccolta oltre 500 rappresentanti dei 650 mila professionisti che domani consegneranno al Ministro Lorenzin un documento con le proposte della Piattaforma programmatica (vedi anticipazione di Qs) che vede in prima linea i sindacati Cgil, Cisl, Uil e le Federazioni degli infermieri, delle ostetriche, dei tecnici di radiologia e del Conaps.

“Per salvaguardare il Ssn si deve tornare ad una piena valorizzazione del personale e delle competenze di tutti i professionisti e operatori della salute”. Questo come anticipato su Qs lo scorso 19 giugno uno dei motti su cui Cgil, Cisl, Uil, Ipasvi, Tsrm, Fnco e Conaps hanno messo le basi per una piattaforma comune da porre all’attenzione delle Istituzioni e che verrà presentata ufficialmente domani a Roma, presso l’Aula magna dell’Università la Sapienza in piazzale Aldo Moro 5 a partire dalle ore 10.

Tra le altre richieste da rimarcare lo “stop ai tagli alle risorse e via libera a nuove assunzioni. Ma non solo: completare l’implementazione delle competenze specialistiche per le professioni sanitarie; ridefinire le competenze e le responsabilità dell’operatore socio-sanitario; completare il percorso di riconoscimento e individuazione delle professioni sanitarie e sociosanitarie. E ancora: valorizzare formazione Continua – ECM e quella universitaria. E poi sblocco della riforma degli ordini professionali e standard e fabbisogni minimi”.

Saranno presenti all’evento oltre 500 rappresentanti dei 650mila professionisti della sanità che fanno capo alle Federazioni degli infermieri, delle ostetriche, dei tecnici di radiologia e del Conaps, il coordinamento nazionale di tutte le professioni regolamentate ma ancora non ordinate in Ordini e Collegi, “per definire la strada della crescita delle competenze per la qualità del lavoro in sanità,  le proposte delle rappresentanze sindacali e professionali e per ascoltare e analizzare le risposte delle istituzioni”.

I segretari generali di Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Fpl, i rappresentanti delle professioni, i professionisti e le istituzioni – è confermata la partecipazione del ministro della Salute Beatrice Lorenzin cui sarà presentato un documento di sintesi con le proposte – si confronteranno “sull’azione di governo, sui suoi effetti sul welfare sanitario, sulle necessità di riorganizzazione e sulle proposte condivise che, sindacati e professioni, intendono discutere con la politica e col Governo, per realizzare quel cambiamento organizzativo necessario a conservare una sanità pubblica di qualità. Il confronto dovrà partire innanzitutto dal prossimo rinnovo contrattuale”.