Linkedin Linkedin Canale YouTube Canale YouTube Pagina Facebook Gruppo Facebook

Ddl Lorenzin. Novità per gli Ordini sanitari. Approvati 5 emendamenti in commissione Sanità al Senato

fonte quotidianosanità

scarica Testo: testo

Gli emendamenti modificano l’articolo in 3 in tema di disciplina degli Ordini delle
professioni sanitarie. Novità sulla trasparenza, termini per le votazioni
interne agli Ordini stessi e possibilità, in caso di più Albi nello stesso
Ordine, che ogni singolo Albo possa eleggere e sfiduciare il presidente e vice
presidente. Previsto, inoltre, che gli Ordini rendano il proprio parere
obbligatorio sulla disciplina dell’esame di abilitazione.
IL TESTO

La commissione Sanità di Palazzo Madama ha proseguito
ieri i suoi lavori sul ddl Lorenzin approvando 5 emendamenti all’articolo 3 in
tema di riordino della disciplina degli Ordini delle professioni sanitarie. Il 3.7, a
prima firma Maurizio Romani (Idv), stabilisce che gli Ordini e le relative Federazioni
nazionali assicurano un adeguato sistema di informazione sull’attività svolta
per garantire accessibilità e trasparenza alla loro azione, “in armonia con i
principi del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33” (decreto trasparenza).

Il 3.10 a prima firma Luigi d’Ambrosio Lettieri
(Cor)
aggiunge al comma 2 la lettera f)
bis per la quale gli Ordini “rendono il proprio parere obbligatorio sulla
disciplina dell’esame di abilitazione all’esercizio professionale;”.

Si passa poi al 3.21 a prima firma Andrea Mandelli (Fi) che al capoverso “Art. 2”, sostituire il comma 4 con il
seguente: “Le votazioni durano da un minimo di due giorni ad un massimo di
cinque giorni consecutivi, di cui uno festivo, e si svolgono anche in più sedi,
con forma e modalità che ne garantiscano la piena accessibilità in ragione del
numero degli iscritti, dell’ampiezza territoriale e delle caratteristiche
geografiche. Qualora l’Ordine abbia un numero di iscritti superiore a 5.000 la
durata delle votazioni non può essere inferiore a tre giorni. Il Presidente è
responsabile del procedimento elettorale”.

Il 3.31 a prima firma Amedeo Bianco (Pd) che al capoverso “Art. 2” dopo il comma 8 aggiungere il
seguente: “8-bis. In caso di più albi nello stesso ordine, con le modalità di
cui al comma 7, ogni commissione di albo elegge e può sfiduciare il presidente,
il vice presidente e, per gli albi con un numero di iscritti superiore a mille,
il segretario. Il presidente ha la rappresentanza dell’albo, di cui convoca e
presiede la commissione. Il vicepresidente sostituisce il presidente in caso di
necessità ed esercita le funzioni al lui delegate, comprese quelle inerenti
alla segreteria della commissione in relazione agli albi con un numero di
iscritti inferiore o pari a mille”.

Infine, il 3.59 sempre a prima firma
Amedeo Bianco (Pd)
al capoverso “Art.
8”, comma 14, lettera c) spiega che al Comitato centrale di ciascuna
Federazione spettano le seguenti attribuzioni: coordinare e promuovere
l’attività dei rispettivi Ordini, “su materie che, inerenti le funzioni proprie
degli ordini, richiedono uniformità di interpretazione ed applicazione”.